Trend

Ambiente bagno, le dritte per scegliere le luci perfette

Da locale di servizio a “stanza” a tutti gli effetti, il locale bagno ha assunto un ruolo importantissimo nelle nostre case. Sono sempre più frequenti i bagni di design, del tutto simili a delle vere e proprie Spa, arredati e corredati con estrema cura e con pezzi preziosi. Docce scenografiche, lavabi avvolgenti, grandi piani, materiali nobili fanno di questo ambiente un piccolo rifugio dove concedersi qualche momento di relax, lasciando fuori dalla porta il tran tran e la frenesia della casa. Insomma, tutto è perfetto… e la luce? In spazi così raffinati, anche l’illuminazione deve essere studiata ad hoc, sia per la funzionalità sia per l’estetica. Insomma, pratico deve fare necessariamente rima con bello.

Con i “classici” non si sbaglia mai
Il ruolo della luce in bagno è duplice: da una parte, rendere lo spazio sicuro e assicurare la massima visibilità nelle aree vicino al lavandino e dove c’è l’acqua; dall’altro, creare una bella atmosfera quando ci si vuole rilassare e ovviamente non si vuole venire “abbagliati”. La disposizione classica prevede di unire luce principale e luci di accento: una plafoniera centrale combinata a punti luce da parete che fiancheggiano lo specchio rappresentano una soluzione sempre efficace. Applique o faretti a muro sono inoltre molto utili se si vuole utilizzare il bagno di notte, senza eccedere in illuminazione, e naturalmente per le operazioni di trucco o rasatura davanti lo specchio. Per questo tipo di fonti luminose, la luce diretta dovrebbe essere schermata da un diffusore opalino, in modo da evitare la formazione di fastidiose ombre  sul viso. In generale, i corpi illuminanti nella sala da bagno dovrebbero avere una classificazione IP che ne certifichi la resistenza all’umidità: più le luci sono vicine all’acqua, ad esempio quelle collocate nella zona della vasca o della doccia, più alto dovrà essere il valore IP.

Soluzioni scenografiche
La tendenza dell’illuminotecnica per i bagni prevede soluzioni sempre più innovative e scenografiche. Non è raro, infatti, che si trovino progetti che prevedono l’illuminazione direttamente nel box doccia o altre decorazioni particolarmente suggestive. Ad esempio, si possono utilizzare le strisce di luci a Led che assicurano un effetto decorativo eccezionale e pure un’altissima luminosità: possono essere posizionate lungo il perimetro del locale o per evidenziare un elemento architettonico della stanza, ad esempio un gradino o una modanatura, con la massima duttilità e sicurezza. Lucefaidate.it propone tantissime soluzioni di questo tipo, comprese le strisce 24V ad alta luminosità 560 led – 2835, disponibili in rotoli di 5 metri con IP65, ovvero la massima resistenza all’acqua. Con questi prodotti, si possono creare dei veri e propri giochi di luce dal bellissimo effetto estetico, oltre che dalla grande funzionalità.

Le lampadine più adatte
Anche le lampadine e il colore della luce hanno ovviamente la loro importanza. In linea di massima, sono da preferire le lampadine a Led, che consumano pochissimo e hanno una durata davvero lunga. Per quanto riguarda la tipologia di luce, quella bianca tende a restituire le immagini in modo più accurato, per cui è ottimale per l’angolo del trucco. Per una luce d’atmosfera, è invece preferibile una luce calda, dai toni naturali, che sappia ricreare l’effetto della luce solare.